Se volete capire se state acquistando un’acqua minerale buona e che fa bene al vostro organismo, dovete imparare a leggere l’etichetta del prodotto. Ecco due fattori che aiutano a capire che tipo di acqua minerale state comprando.

Il valore del pH

Il pH indica il grado di acidità dei liquidi. Se un liquido ha pH 7 significa che è neutro, invece se ha valori inferiori a 7 è acido, se è superiore è alcalino. Sulle etichette delle diverse acque minerali è sempre indicato ance il pH che può aiutarvi nella nostra scelta. Con l’avanzare dell’età, il corpo umano diventa alcalino cioè ha un pH elevato. Il naturale processo di invecchiamento, provocato dai radicali liberi, produce una maggiore alcalinità. Per aiutare a contrastare questo effetto è bene consumare dell’acqua minerale leggermente acida. Potete optare per dell’acqua minerale che abbia un valore di pH che si aggira intorno al 6,4 – 6,8 ed dovreste berne almeno un litro al giorno, di più se la vostra dieta è povera di frutta e verdura. Con il passare degli anni, l’azione dei radicali liberi aumenta e per aiutare il corpo a restare giovane fareste bene ad abituarvi a bere molto che aiuta a diversi livelli, come per esempio stimola la diuresi e quindi l’eliminazione delle scorie. Se siete soliti fare uso di bevande gasate, succhi di frutta, drink energizzanti e bibite zuccherate, fate molto attenzione perché queste bevande aumentano l’alcalinità dell’organismo, oltre che irritare la mucosa dello stomaco.

Il residuo fisso

Un fattore che può aiutarvi a scegliere una buona acqua minerale è il residuo fisso che è sempre indicato nelle etichette delle diverse acque minerali esposte negli scaffali del supermercato. Il residuo fisso è la quantità di sali minerali che restano dopo che è stato fatto evaporare un litro di acqua a 180 gradi. Se desiderate bere un’acqua minerale leggere che favorisca la diuresi, meglio se preferite acque con un residuo fisso inferiore a 50 mg/l. questo tipo d’acqua minerale è perfetta anche per i neonati che hanno difficoltà digestive. Se il residuo fisso è compreso tra 50 e 500 mg/l avrete un’acqua oligominerale che sono la maggioranza di quelle normalmente in commercio. L’apporto di sali minerali è ottimo e potete berla tutti i giorni. Se, invece, avete bisogno di un’acqua minerale per reidratarvi dopo lo sport, ecco che dovete preferire acque minerali con un residuo fisso più alto, cioè compreso tra 500 e 1500 mg/l. Si tratta di acqua minerale mediamente mineralizzata che ha un alto contenuto di sali minerali che aiutano a reintegrare i sali persi con la sudorazione. Questo tipo d’acqua è ottima anche per dissetarsi in estate.

La durezza

Le acque minerali hanno anche un altro importante valore che indica la loro durezza. Questo valore si calcola in gradi francesi utilizzando il simbolo ° F. la durezza dell’acqua minerale si riferisce al calcare contenuto e cambia da un tipo all’altro. Non ci sono particolari controindicazioni a scegliere un’acqua minerale più o meno dura.